Cells at Work

Cells at Work! – Impressioni sul primo episodio

Il 7 luglio ha debuttato sulle reti televisive giapponesi Cells at Work!, un anime tratto dall’omonimo manga di Akane Shimizu. In questo articolo farò una breve descrizione dell’anime e darò la mia personale opinione sul primo episodio.

Cells at Work

 

Trama di Cells at Work!

La storia è ambientata all’interno del corpo umano. I protagonisti della vicenda sono proprio le cellule che, in forma antropomorfa, svolgono il proprio lavoro e difendono l’organismo dalle malattie. Una specie di buon vecchio “Siamo fatti così” ma in stile tipicamente giapponese.

I protagonisti principali di Cells at Work! sono un globulo rosso, che ha sembianze femminili, e un globulo bianco con sembianze maschili, ma già nel primo episodio ci vengono presentate altre cellule che contribuiscono a far funzionare il corpo umano. Ogni tipo di cellula ha delle caratteristiche ben precise: le piastrine, essendo cellule più piccole, vengono rappresentate come bambine e bambini mentre i linfociti T killer hanno le sembianze di omaccioni appartenenti ad una squadra speciale che ricorda un po’ la Swat dei film americani. I globuli bianchi sono la polizia mentre i globuli rossi i corrieri che consegnano i pacchi con i nutrimenti alle varie parti del corpo.

In questo anime le spiegazioni scientifiche si mischiano alla comicità e alle scene di battaglia contro i vari batteri che tentano di infestare l’organismo.
L’ambientazione di Cells at Work! è particolarmente fantasiosa, con parti del corpo rappresentate come sezioni di una vera e propria città nelle quali sono presenti vari elementi tecnologici come turbine e razzi.

Il primo episodio è risultato molto leggero da vedere, ho particolarmente apprezzato le parti istruttive. In questo anime vengono utilizzati termini scientifici ma le spiegazioni risultano di facile comprensione. La comicità non ti fa sbellicare dalle risate, ma risulta comunque simpatica. Carinissima la presentazione delle piastrine, non potete non amarle immediatamente!

Cells at Work

 

Prime impressioni

Personalmente mi è piaciuto, è un anime che si può vedere in tranquillità ma è anche un’ottima occasione per farsi un pochino di cultura su come funziona il nostro organismo. Come inizio non è per niente male, anche se non stiamo parlando di un capolavoro. Lo definirei più come una boccata di aria fresca in mezzo ad anime molto più complessi e articolati.

Al momento Cells at Work! ha in programma tredici episodi mentre il manga è attualmente in corso.

 

Lascia un tuo commento...

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.