K-HOST: conosciamo la band /// [Intervista]

I K-Host sono un duo davvero particolare formato da Daniela Andreoni, in arte Haru (voce) e Angelo Lugaresi (bassista).
La band (i cui brani sono completamente autoprodotti) si ispira al mondo della cultura idol giapponese e non solo; ricordiamo inoltre che i K-Host collaborano con il progetto IDOL STAGE.

Ma scopriamo subito tutti i dettagli sulla band nella speciale intervista che ho avuto il piacere di fargli…

 


 

1) Diamo un caloroso benvenuto ai K-Host nella sezione #WeAreNerd.
Ciao ragazzi, allora, come nacquero i K-Host? Raccontateci qualcosa di voi…

“Ciao a tutti!
I K-HOST, con la stessa identica formazione che conoscete, nascono nel dicembre del 2015 per poi ufficializzare la propria attività musicale in Marzo 2016 con il primo live ad Ostia!
La passione che entrambi nutriamo verso il Giappone, la sua cultura e anche le sue controversie, ha dato vita a questo progetto in cui crediamo fortemente e che ci ha permesso di unire i nostri stili musicali.

Haru: Io, Daniela Andreoni (Haru nei K-HOST) nasco come cantante Rock/Gothic metal anche se la formazione musicale che ho avuto è stata improntata sulle grandi voci di Mariah Carey e Celine Dion; il passaggio al mondo Giapponese, musicalmente parlando, è avvenuto una decina di anni fa e da lì non mi ha più abbandonato!
Angelo: Anche io, bassista del nostro progetto, dopo esperienze con svariati gruppi (musica indie rock con brani autoprodotti), sono approdato nel mondo musicale Nipponico colpito dal suo sound tipico. La sua commistione di stili mi ha letteralmente travolto. Da qui, l’idea di creare qualcosa di personale, di autoprodotto, in lingua Giapponese ed in Inglese.”

 

 

2) Avete già realizzato ben 5 brani inediti, ma chi compone i testi e gli arrangiamenti? Raccontateci qualcosa in più in merito a questo vostro importante traguardo.

K-HOST“E’ stato ed è tutt’ora un percorso difficile ma ricco di soddisfazioni, un continuo creare che non si arresta, bensì prende forza ad ogni passo avanti: i nostri brani sono completamente autoprodotti, dai testi agli arrangiamenti.

Haru: Per quanto riguarda il testo, io eseguo la sua stesura in italiano, per poi adattarlo in giapponese e crearne poi infine l’ulteriore adattamento in inglese; comincio allora a realizzare le melodie che vedono il loro concretizzarsi nel lavoro di Angelo.

Angelo: Io mi occupo dell’arrangiamento e della composizione, suonando il basso, il sintetizzatore, la chitarra elettrica e la batteria elettronica. Realizziamo insieme le copertine e quindi discutiamo sull’idea iniziale per poi migliorarla.
E’ vero, siamo al nostro quinto inedito e dopo la meravigliosa esperienza di Lucca comics & games 2017, siamo già a lavoro per il sesto singolo che avrà anche una sua versione in italiano!
Abbiamo parecchie sorprese per la fine del 2017 e l’inizio del 2018, quindi seguiteci su tutti i social network!”

 

 

3) Tra i vostri inediti, “SORA NO YOUNI, KAWA NO YOUNI” ha particolarmente attirato la mia attenzione. Quale significato si cela dietro la canzone?

Haru: Allora… ho scritto questa canzone pensando al primo dorama che vidi parecchi anni fa, “Koizora”, nel quale il protagonista veniva spesso paragonato ad un fiume, un elemento naturale che va sempre avanti ed è forte (vedete il dorama per scoprire invece perché lo stesso vorrebbe essere come il cielo!).
Da questo ho sviluppato poi l’intero testo e insieme ad Angelo abbiamo creato il resto dando vita alla nostra prima ballad!

Angelo: Il messaggio quindi che vogliamo lasciar passare è quello di andare sempre avanti creando i propri percorsi personali con forza e coraggio, pensando che comunque si è fortunati ad avere la possibilità di perseguire i propri sogni.”

Ascoltate il brano qui di seguito…

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

 

4) Quali sono i vostri progetti per il futuro ed il vostro sogno comune?

“Il nostro sogno più ambizioso è riuscire a realizzare un video musicale e portare la nostra musica lontano!
Inoltre un sogno comune è visitare il Giappone ed incontrare finalmente i fan con i quali ci interfacciamo continuamente su Facebook. Continuare poi a fare quello che ci fa stare bene è la cosa più importante, ed è ciò che auguriamo a tutti!”

 

 

5) Un ultimo saluto…

“Speriamo di vedervi tutti ai prossimi live!”

 

 

Facciamo un grosso ‘in bocca al lupo’ ai K-Host, augurandogli di raggiungere presto i loro sogni! – La Redazione

 

 

CONTATTI dei K-HOST

  • Canale Youtube –> QUI
  • Pagina Facebook –> QUI
  • Instagram –> QUI
  • Twitter –> QUI
  • Email: khostband@gmail.com

Concludiamo questo spazio dedicato ai K-Host con un altro loro carinissimo inedito: “COTTON CANDY”.
BUON ASCOLTO.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Lascia un tuo commento...

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.